Oggi:

2021-09-22 22:44

Home

L’IMPATTO DELLA GESTIONE DEI RIFIUTI SULLE EMISSIONI GHG

Carlotta Basili e Giovanni Barca

Al contrario di quanto gli ambientalisti ideologici hanno predicato in questi anni, le emissioni di gas serra più rilevanti e dannose per il clima non derivano dagli inceneritori ma dall’uso ancora abnorme che si fa delle discariche nella maggioranza delle Regioni italiane che, colpevolmente, non si sono dotate degli impianti utili a chiudere il ciclo dei rifiuti. Gli Amici della Terra lo dimostrano con uno studio basato sui dati ufficiali che sarà presentato lunedì 20 settembre . Gli autori dello studio ne anticipano i contenuti.

RINNOVABILI ELETTRICHE INTERMITTENTI

Fabio Modesti

È in atto da qualche mese la corsa verso eolico e fotovoltaico a terra senza alcuna considerazione per paesaggio e biodiversità, frenata solo dall’aspettativa che siano stabiliti nuovi lucrosi incentivi. Le fonti rinnovabili elettriche intermittenti sono diventate campo di azione della finanza speculativa e della criminalità organizzata. L’autore esamina le residue possibilità di difesa dei territori dopo l’approvazione di nuove norme che tagliano le unghie a chi si oppone.

FUSIONE NUCLEARE

Carlo Minopoli

L’autore ci propone un intervista all’ing. Sergio Orlandi sui progressi di Iter, reattore sperimentale della fusione nucleare. L’Astrolabio (e gli Amici della Terra) che non hanno mai avuto posizioni ideologiche, e che informano regolarmente sulla sperimentazione in campo nucleare tradizionale e della fusione, sottolineano la palese contraddizione -e la doppia verità- di quella parte di ambientalismo che pretende una decarbonizzazione totale e veloce dell’economia ma strilla contro il nucleare e fa finta di poterne fare a meno (rileggi in proposito Dimenticare Fukushima).  

EMISSIONI GLOBALI DI METANO

Gli Amici della Terra chiedono che l’Italia, presidente di turno del G20 per Energia e Clima, proponga limiti globali alle emissioni di metano, problema europeo e mondiale di grande impatto sul riscaldamento atmosferico, ma risolvibile.

GREEN DEAL E BUONI PROPOSITI PER L’AFRICA

Giovanni Brussato

Il rame è un ottimo indicatore di sviluppo economico e di benessere delle società. Attraverso i dati e le proiezioni del suo fabbisogno e del suo ciclo produttivo a livello mondiale, l’autore svela la superficialità delle dichiarazioni filantropiche dell’Unione Europea e della IEA a proposito delle politiche in favore dell’Africa contestuali al Green Deal.

PROGETTI CONCRETI PER IL CLIMA

Luca Garibaldi

Torniamo a parlare di progetti di riforestazione che, oltre a dare un contributo concreto alle iniziative di contrasto al cambiamento climatico, potrebbero rappresentare il miglioramento certo delle condizioni di vita delle popolazioni locali e uno stimolo a sviluppare relazioni di pace fra paesi e fra popolazioni diverse.

INVESTIMENTI NELLA MOBILITA’ URBANA COLLETTIVA

Marco Talluri

La mobilità è senza dubbio una delle componenti che determinano la qualità della vita delle nostre città, non solo perché il trasporto è una importante fonte di inquinamento atmosferico ed acustico, ma anche perché la congestione del traffico, i tempi degli spostamenti, lo stress ed i rischi derivanti da mobilità caotica incidono fortemente sulla nostra vita quotidiana.

APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA HABITAT

Fabio Modesti

La gestione dei Siti Natura 2000 passa anche dalla valutazione di incidenza e dalla trasparenza delle decisioni. Molte Regioni non si sono ancora adeguate ai principi comunitari, nonostante le sentenze della Corte di Giustizia UE. Il caso dei 48 chilometri di piste tagliafuoco da realizzare in Puglia, nelle faggete di Foresta Umbra.

LA LEGGE SULL’AGRICOLTURA BIOLOGICA E SU QUELLA BIODINAMICA

Luca Garibaldi*

Il disegno di legge a sostegno dell’agricoltura biologica, DDL 988, approvato quasi all’unanimità al Senato e in attesa della sua ultima lettura alla Camera, ha suscitato una vivace polemica da parte della Senatrice Cattaneo perché contiene una legittimazione impropria dell’agricoltura biodinamica. L’autore riassume per noi i termini del problema mettendo in luce anche gli aspetti di concreto interesse di produttori e trasformatori, ben al di là della retorica sui metodi naturali delle colture.

ELEZIONI A ROMA E MONNEZZA

Tutti per Roma. Roma per Tutti

Roma è di nuovo in emergenza rifiuti e, come sempre, ne uscirà a spese di discariche e impianti altrui nonché dei cittadini romani che già pagano le tariffe rifiuti fra le più alte in Italia. Proponiamo ai lettori romani - ma anche a tutti i cittadini italiani che non vorrebbero la Capitale ridotta così – un appello urgente di Tutti per Roma, Roma per tutti, il gruppo di mobilitazione civica che L’Astrolabio e gli Amici della Terra hanno già sostenuto per l’iniziativa del Quaderno sul ciclo dei rifiuti.

STRATEGIA NAZIONALE DEI RIFIUTI

Andrea Ballabio, Donato Berardi e Nicolò Valle

Da lavoce.info* ripubblichiamo un articolo di tre ricercatori del Laboratorio sui servizi pubblici locali di REF Ricerche che chiarisce l’importanza dei principi di prossimità e autosufficienza nella gestione dei rifiuti. Con la pianificazione regionale, alcuni territori sono riusciti a dotarsi dell’impiantistica necessaria alla chiusura del ciclo dei rifiuti urbani indifferenziati. Quelli di altre realtà, come accade ad esempio nel Lazio, continuano invece a viaggiare tra Regioni e verso l’estero.

EMISSIONI DI METANO

Ilaria C. Restifo*

Il ruolo chiave dei satelliti per il rilevamento delle emissioni accidentali o programmate di gas metano rappresenta una svolta nelle politiche europee di contrasto ai cambiamenti climatici e, attraverso il programma Copernicus ed altri programmi internazionali come MethaneSAT, permetterà di monitorare i grandi emettitori mondiali.

QUALITA’ DELL’ARIA

Marco Talluri

L’Agenzia Europea per l’Ambiente pubblica una mappa visuale con i dati del PM2,5 in oltre 300 città europee, nelle quali vivono oltre 117 milioni di persone. Solamente in 5 di esse si supera i limiti di legge, ma in 196 non è rispettato il valore raccomandato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Secondo SNPA, nel 2020 in Italia, in 230 punti di campionamento su 296, la media annuale è stata superiore al valore raccomandato dall’OMS.

AMICI DELLA TERRA SU DL SEMPLIFICAZIONI

Monica Tommasi

La presidente degli Amici della Terra, Monica Tommasi, è intervenuta nei giorni scorsi in audizione alle Commissioni riunite 1° Affari Costituzionali e 8° Ambiente della Camera dei Deputati nell’ambito dell’esame del decreto 77/2021 - Semplificazioni, recante “governance del Piano nazionale di ripresa e resilienza e prime misure di rafforzamento delle strutture amministrative e di accelerazione e snellimento delle procedure”. Qui il documento integrale degli Amici della Terra e la registrazione dell’intervento.

SENTENZA SHELL AL TRIBUNALE DELL’AIA

Carlo Minopoli

La sentenza contro la Shell per il “reato” di riscaldamento globale costituisce un precedente inquietante da un punto di vista del diritto, determina squilibri di mercato e addirittura un peggioramento dell’impatto sul clima. Ma esprime a meraviglia il sentimento che contrappone I cittadini alla grande industria e lo interpreta demagogicamente. Per questo, cause simili e simili sentenze sono destinate a replicarsi nei tribunali di tutti I paesi occidentali.