Oggi:

2020-05-29 13:04

Ecobonus, sarà cambiata la norma che penalizza le Pmi

QUEL CHE C’È DA SAPERE

“C'è l'esigenza evidente di modificare il testo. Noi certamente, come governo, avanzeremo le nostre proposte, ma ascolteremo anche quelle del Parlamento”. Lo ha affermato il ministro allo Sviluppo economico, Stefano Patuanelli (M5S), rispondendo a due interrogazioni di Pd e M5S in merito alla norma introdotta la scorsa estate dall’art. 10 del Decreto Crescita, che ha stabilito nuove modalità per usufruire degli incentivi per gli interventi di efficienza energetica e riduzione del rischio sismico.

In particolare, i commi dall'1 al 3 dell'articolo 10 del decreto-legge hanno previsto la possibilità per il soggetto che sostiene le spese per interventi di quel tipo di ricevere un contributo anticipato dal fornitore che ha effettuato l'intervento stesso, sotto forma di sconto. Tale contributo è recuperato dal fornitore sotto forma di credito d'imposta da utilizzare in compensazione. L’effetto di questa norma ha trovato il favore di numerosi cittadini e di alcune imprese medio-grandi, mentre per una gran parte delle piccole e medie imprese la norma si è rivelata un problema di sostenibilità finanziaria da risolvere urgentemente. Le Pmi del settore hanno avviato un procedimento presso la Commissione europea a seguito del pronunciamento dell'Autorità garante della concorrenza e del mercato, che ha evidenziato come le modifiche introdotte dal decreto crescita appaiano suscettibili di creare restrizioni alla concorrenza a danno di piccole e medie imprese, favorendo solo gli operatori economici di più grandi dimensioni.

Secondo il ministro, più che nel decreto sulle crisi industriali già in discussione al Senato, le modifiche andrebbero introdotte nella legge di bilancio, dopo aver ascoltato tutte le associazioni, che il ministro convocherà ad un apposito tavolo, evitando di ripetere l’errore del precedente governo, dovuto ad una “scarsa interlocuzione” con i portatori di interesse, che “ha condotto ad un risultato negativo”.