Oggi:

2021-03-03 12:23

Presentato il IV Rapporto Enea sull’efficienza energetica

QUEL CHE C’È DA SAPERE

L’Enea ha presentato al Ministero dello sviluppo economico il suo IV “Rapporto sull’efficienza energetica” (qui l’Executive Summary), che rappresenta uno strumento di monitoraggio e valutazione delle politiche nazionali adottate in questo settore, che hanno consentito di risparmiare 7,55 milioni di tonnellate di petrolio equivalenti (Mtep) all’anno, pari a oltre 2 miliardi di euro di minori importazioni di gas naturale e petrolio, evitando la produzione di 18 milioni di tonnellate di CO2, raggiungendo oltre il 20% dell’obiettivo di efficienza previsto per il 2020. Tra i settori che hanno maggiormente contribuito a questo risultato, ci sono il residenziale e l’industria. I 7,55 Mtep di risparmi derivano dalla maggiore efficienza ottenuta con il meccanismo dei Certificati Bianchi (3,4 Mtep), dall’introduzione di standard minimi di prestazione energetica (2,4 Mtep), dagli incentivi nei trasporti (0,9 Mtep) e dagli ecobonus (altri 0,9 Mtep).

Secondo l’Enea, “per far decollare il settore dell’efficienza, un ruolo chiave spetta alle banche: secondo un’indagine dell’Abi contenuta nel Rapporto, l’86% degli istituti di credito ha messo a punto prodotti dedicati all’efficienza, ma per sbloccare realmente i finanziamenti occorrono linee guida per la replicabilità dei progetti, nonché audit e rating per valutarne la qualità”

Il Ministero dello sviluppo economico ha annunciato che entro il 28 giugno saranno emanate le “linee guida per i certificati di efficienza energetica degli edifici e per omogeneizzare metodi, risorse e nuovi strumenti”.

L’Enea ha anche presentato il nuovo portale dell’Agenzia nazionale per l’efficienza energetica e annunciato che il 16 ottobre, a Verona, si terrà la seconda edizione degli Stati generali dell’efficienza energetica, in vista dei quali sono previsti nove tavoli di consultazione nazionale su altrettanti settori, con un focus internazionale sull’agroindustria.