Oggi:

2024-04-25 12:57

Home

MONOPOLI CINESI

Giovanni Brussato

I magneti permanenti sono alla base di tecnologie che dominano la nostra vita quotidiana e determinano lo sviluppo futuro delle nostre società, oltre agli esiti della transizione energetica. Per questo, i tentativi di scalfire il monopolio cinese sulla tipologia di magneti più performanti assume una grande importanza economica e geopolitica.

EOLICO IN VALTIBERINA

Appennino Sostenibile e Crinali Bene Comune

La Regione Toscana ha rinviato a data da destinarsi l’autorizzazione per l’impianto eolico industriale “Badia del Vento”, che dovrebbe sorgere in alta Valtiberina al confine con la Romagna e di cui l’Astrolabio aveva già parlato. Una prima vittoria per tutti coloro che hanno presentato osservazioni, anche tecniche, che ne evidenziano l’insostenibilità. L’articolo è ripreso da https://www.reteresistenzacrinali.it .

RINNOVABILI

Fabio Modesti

La Sardegna in difesa del paesaggio. Oltre alla Presidente Todde che annuncia una moratoria contro l’invasione di impianti rinnovabili, il Tribunale Amministrativo della Sardegna ribalta la giurisprudenza che altrove assegna loro il “favor” di legge. Finalmente, il territorio ed il paesaggio vengono prima di altri interessi, ma i pareri delle Soprintendenze devono essere super motivati.

MONITORAGGI

ARPA Veneto

Arpav propone uno strumento per la valutazione dell’impatto microclimatico generato dall’installazione di campi fotovoltaici per la produzione di energia da fonti rinnovabili. La capacità degli impianti fotovoltaici di riscaldare le aree circostanti, influenza potenzialmente gli ecosistemi naturali o antropici in esse presenti impattando negativamente su fauna, flora e salute umana.

TERMOVALORIZZATORI IN ITALIA

Neutalia Comunicazione

E’ una società benefit quella che, con un piano industriale all’avanguardia, ha trasformato un vecchio impianto in un termovalorizzatore efficiente e pulito e che si propone di gestirlo al servizio del territorio in linea con i migliori obiettivi ambientali. Fra le iniziative, un avanzato esperimento di biomonitoraggio ambientale.

21° CONGRESSO NAZIONALE IN CAMPIDOGLIO

“La svolta pro-nucleare degli Amici della Terra” ha titolato il Corriere della Sera riferendo del 21° Congresso Nazionale che si è tenuto a Roma il 6 aprile scorso e sottolineando l’abbandono, da parte dell’Associazione, dello schieramento antinucleare che aveva ne aveva caratterizzato gli inizi, 45 anni fa. Effettivamente la portata della decisione è storica ma coerente con il metodo e i comportamenti trasparenti degli Amici della Terra. Come ha dichiarato Monica Tommasi “né sofferta né travagliata. Per noi, una scelta ragionata”. Di seguito, il testo integrale della Mozione generale approvata all’unanimità salvo l’astensione di alcuni delegati.

21°CONGRESSO NAZIONALE

Monica Tommasi, ingegnere, orvietana, è stata confermata presidente degli Amici della Terra per un terzo mandato, all’unanimità, nonostante le scelte difficili che si è trovata ad affrontare per mantenere l’approccio rigoroso proprio dell’Associazione, basato sulla valutazione di dati e scenari aderenti alla realtà. Di seguito, il testo integrale della sua relazione al 21°Congresso.

RISORSE MINERARIE

Giovanni Brussato

Dopo l’idrogeno grigio ricavato dal gas naturale, quello blu con cattura della CO2, quello verde con l’utilizzo di fonti rinnovabili, quello viola sfruttando fonti nucleari, adesso è l’oro l’ultimo colore dello spettro dell’idrogeno, il più prezioso, quello che identifica la molecola nativa, reperibile in giacimenti naturali. L’autore ne illustra caratteristiche e prospettive di produzione.

AMBIENTE E GUERRA

Mario Pileggi

Un gruppo internazionale di nove scienziati ha pubblicato su Nature Climate Change lo studio “Towards an increasingly biased view on Arctic change” sugli ostacoli alle attività di ricerca scientifica e ambientale nella regione artica, in conseguenza delle tensioni attivate dall’invasione dell’Ucraina. L’autore spiega la rilevanza dei danni dovuti ai conflitti armati e all’aumento degli episodi di intolleranza nelle università.

CONTRO IL FOTOVOLTAICO SU TERRENI AGRICOLI

Alessio Mammi

L’Assessore all’Agricoltura dell’Emilia Romagna, Alessio Mammi, ovvero uno degli amministratori regionali più rappresentativi e autorevoli del settore, ha lanciato una petizione su Change.org dal titolo “Fotovoltaico su terreni agricoli? No, Grazie!” . Considerate le motivazioni semplici e cristalline, la portata politica dell’iniziativa, il suo valore assoluto in difesa dell’agricoltura in tutta Italia, l’Astrolabio invita i suoi lettori a sottoscrivere e a diffondere la petizione.

TECNOLOGIE PER LA DECARBONIZZAZIONE

Carlotta Basili

Anche l’idrogeno, spesso presentato come la soluzione per scenari zero carbon, ha un impatto sulla chimica atmosferica e potrebbe contribuire al riscaldamento globale. Nel mondo si stanno investendo soldi ed energie nella ricerca di metodi di produzione e tecnologie per il suo utilizzo ma si parla poco dei potenziali effetti sul clima delle sue emissioni dirette che potrebbero inficiare gli sforzi di decarbonizzazione. L’autrice presenta il problema sulla base degli studi più recenti.

SERVIZI PUBBLICI E MERCATI

Antonio Massarutto*

Quello della gestione dei rifiuti è un settore in continua trasformazione e la sua regolazione complessa, in Italia, ha avuto esiti differenti e travagliati. A seguito di formali contestazione all’operato di Arera, abbiamo chiesto all’autore, esperto di economia e gestione delle risorse e dei servizi pubblici, di spiegare le ragioni per cui il modello regolatorio imperniato sull’Autorità indipendente è ancora desiderabile e, anzi, avrebbe bisogno di un aggiornato riferimento legislativo.

OBIETTIVI DI DECARBONIZZAZIONE

Gionata Picchio

Ripubblichiamo un editoriale della Staffetta Quotidiana (19 marzo ’24) perché ci colpisce che una testata giornalistica con un punto di vista molto diverso dal nostro – e, tuttavia, con una redazione connotata da onestà intellettuale – giunga a porre le stesse questioni, in tema di rinnovabili elettriche intermittenti, che l’Astrolabio e gli Amici della Terra pongono da più di un decennio, apparentemente ignorati dalla politica. L’invasione di tralicci e pannelli in un territorio scarso e pregiato non si può più ignorare.

MAPPE DA PRETENDERE

Fabio Modesti

In Puglia, seconda regione italiana per potenza installata di eolico industriale, non esiste un catasto pubblico che registri gli impianti. E a vedere le mappe disponibili c’è da spaventarsi. È importante reagire a questa assenza di informazione ufficiale sul consumo di suolo e cominciare a raccogliere mappe self-made.

SISTEMA ELETTRICO E TRANSIZIONE

Rosa Filippini

Le fonti rinnovabili, da anni, assorbono le maggiori risorse per la transizione. Sarebbe utile conoscere il loro costo totale. Ma un'interrogazione parlamentare in proposito al ministro Pichetto Fratin non ha (ancora?) ottenuto una risposta.

Condividi contenuti