Oggi:

2020-06-07 08:01

Riscaldamento e raffrescamento da fonti rinnovabili al 21% nell’Ue

QUEL CHE C'È DA SAPERE

Nel 2018, le energie rinnovabili hanno rappresentato il 21% dell'energia totale utilizzata per il riscaldamento e il raffreddamento nell’industria, nei servizi e nelle famiglie dell'Unione europea. Questa quota è aumentata costantemente dall'inizio della raccolta dei dati da parte di Eurostat nel 2004, quando la quota era del 12%.

L'energia rinnovabile considerata da Eurostat include anche l'energia termica e termica derivata (da aria, terra o acqua) catturata dalle pompe di calore, anche se questa informazione non è ancora disponibile per tutti i paesi. Nel 2018, tale energia termica ha contribuito per oltre un quarto (27%) dell'energia da fonti rinnovabili utilizzata per il riscaldamento e il raffreddamento.

La Svezia si è distinta tra gli Stati dell'Ue con quasi due terzi (65%) dell'energia utilizzata per il riscaldamento e il raffreddamento nel 2018 derivante da fonti rinnovabili. Seguono, con oltre il 50%, Lettonia (56%), Finlandia (55%) ed Estonia (54%).

I paesi in cui le fonti rinnovabili hanno contribuito meno al riscaldamento e al raffreddamento sono Irlanda e Paesi Bassi (entrambi con il 6%), Belgio (8%) e Lussemburgo (9%).

L’Italia nel 2018 ha fatto registrare il 19,2%, come nel 2015, ma meno del 2017 (20%) e del 2016 (18,9%).

Delle cinque grandi economie dell’Ue a 28, solo la Francia ha una percentuale più alta dell’Italia (21,8%). Percentuali inferiori hanno fatto invece registrare Spagna (17,4%), Germania (13,6%) e Regno Unito (7,5%).