Oggi:

2021-11-28 21:30

Acque reflue: la Corte europea condanna l’Italia

QUEL CHE C'È DA SAPERE

Con sentenza del 6 ottobre 2021, la Corte europea di giustizia ha condannato l'Italia per non aver rispettato una serie di obblighi imposti dalla direttiva europea sulle acque reflue (91/27/Cee) in circa 600 aree tra agglomerati e centri urbani.

La sentenza deriva da un deferimento della Commissione europea che nel 2014 aveva aperto una procedura di infrazione contro l’Italia. La Corte ha stabilito che l’Italia non ha preso le disposizioni necessarie per garantire che siano provvisti di reti fognarie per le acque reflue urbane 159 agglomerati nel Paese, e non ha assicurato che siano sottoposte al trattamento appropriato le acque reflue urbane che confluiscono nelle reti fognarie in altri 461 agglomerati.

Si tratta della terza condanna quanto a mancata depurazione e un’altra procedura è in fase di istruttoria, ma su questo specifico dossier, trattandosi della prima condanna per inadempimento, la sentenza non prevede multe o altre sanzioni.