Oggi:

2020-06-05 21:05

Rifiuti e coronavirus, linee guida della Commissione europea

QUEL CHE C'È DA SAPERE

La Commissione Ue ha approvato un documento sulla gestione dei rifiuti durante la crisi dovuta al Coronavirus, Waste management in the context of the coronavirus, che evidenzia prima di tutto l’importanza di mantenere attiva la raccolta differenziata dei rifiuti urbani per non abbandonare il percorso verso l’economia circolare. Proseguire con una raccolta differenziata ben fatta viene indicato come essenziale per non aumentare gli impatti ambientali e per mantenere attive le filiere di approvvigionamento di materie prime secondarie.

La Commissione Ue rassicura sul fatto che la gestione dei rifiuti adotta già normalmente precauzioni che minimizzano i rischi sanitari, per cui è opportuno solo avere qualche nuovo accorgimento, quale quello di raccogliere nella normale frazione indifferenziata i rifiuti delle persone in isolamento domiciliare, senza bisogno di istituire servizi di raccolta specifici.

Il documento affronta poi anche il tema dei rifiuti da strutture sanitarie e ricorda che è possibile ricorrere a misure eccezionali nella loro gestione, vista la situazione di emergenza. Vengono date anche indicazioni sulla salute e sicurezza di operatori e lavoratori del settore, in modo da poter assicurare una movimentazione agevole dei rifiuti dalla raccolta al riciclo o al trattamento.

L’Ispra evidenzia come l’Italia, anche grazie alle indicazioni del SNPA del 23 marzo, abbia anticipato sul tema molti degli indirizzi forniti dalla Commissione Ue il 14 aprile a tutti gli Stati membri.