Oggi:

2021-11-28 20:58

Direttiva SUP: l’ok della Conferenza Unificata

QUEL CHE C'È DA SAPERE

Il 7 ottobre scorso, la Conferenza Unificata ha reso il parere sullo schema di decreto legislativo di attuazione della direttiva (UE) 2019/904 del Parlamento europeo e del Consiglio del 5 giugno 2019 sulla riduzione dell’incidenza di determinati prodotti monouso in plastica sull’ambiente (direttiva SUP - Single Use Plastics).

Il documento, trasmesso lo scorso 22 settembre alla Commissione europea per una valutazione che durerà fino alla fine di dicembre, prevede una serie di misure per l’uscita dal mercato di alcuni prodotti monouso in plastica e per tutti i prodotti in plastica oxo-degradabile, che potranno eventualmente essere sostituiti con prodotto realizzati in materiale biodegradabile e compostabile, con percentuali di materia prima rinnovabile uguali o superiori al 40% e, dal 2024, al 60% nei casi in cui non siano possibili alternative migliori. Il decreto prevede, inoltre, la riduzione del consumo di altri prodotti in plastica e l’obbligo di marcare prodotti in plastica monouso e relativi imballaggi al fine di informare i consumatori sul modo corretto di smaltire il prodotto e le possibili conseguenze negative per l’ambiente in caso di dispersione o smaltimento improprio.

Relativamente ai rifiuti in plastica, lo scorso 11 ottobre è inoltre stato pubblicato in GU il Decreto del 2 settembre 2021 del Ministero della Transizione Ecologica che definisce i criteri, le condizioni e le modalità per la concessione e l’erogazione del contributo in favore di quei Comuni che, nell’ambito del «Programma sperimentale Mangiaplastica», acquistano ed installano eco-compattatori allo scopo di favorire la raccolta selettiva e migliorare l’intercettazione e il riciclo dei rifiuti in plastica, in un’ottica di economia circolare.